LOGIN SIGNUP
ENG ITA
<< Precedente
Successiva >>
5 - LA VERNA - VERGHERETO
+ Login per aggiungere a tappe

Dal Crudo Sasso, si snoda il percorso della viabilità medievale tra le valli dell&rsquoArno e del Tevere, dove un fantomatico esercito ancora custodisce il Tesoro di Annibale. E poi giù, nei meandri tortuosi del fiume Savio, tra ruderi di castelli e memorie dell&rsquoAbbazia di San Michele, da cui fu cacciato a vergate San Romualdo.

Inzio Tappa
La Verna
Arrivo Tappa
Verghereto
Lunghezza Tappa
17,279
Nazione del percorso
Italy
Regione
Toscana  
Dislivello Salita
567,8 mt.
Dislivello Discesa
887,1 mt.
Difficoltà (1 .. 5)
CAI (Diff. Escurs.)
File PDF
Mappa GPS

La partenza fiancheggia uno splendido muro a secco ed è dominata dalla parete del Calcio del Diavolo. La cima del Monte Calvano si colora, in stagione, del rosso delle orchidee che esibiscono la forma femminile di alcuni insetti così da spingerli a fermarsi con l'intento di accoppiarsi. La cima del  Poggio Tre Vescovi, avvolta nel bosco ceduo di faggio, sta fra le valli dell'Arno, del Tevere e del Savio e segna il confine fra le diocesi di Arezzo, S.Sepolcro e Sarsina.

Scendendo s'incontra un'ampia e profonda cavità detta la buca del tesoro nella quale i soldati di Annibale avrebbero nascosto, durante la discesa verso Roma, un prezioso tesoro peraltro mai trovato nonostante non poche ricerche. Più oltre Il Passo Rotta dei Cavalli detto così perchè stretto e tortuoso tanto da rendere complicato il passaggio dei quadrupedi. Per lunghi tratti s'incontrano campi strappati al bosco per coltivare cereali preziosi per l'alimentazione di uomini ed animali, una fatica immane della quale ormai non rimane più segno.

Splendida quanto semplice, la maestà  di Montione che si incontra scendendo appunto verso il fosso di Montione appoggiata al terreno in pendenza per non crollare. Del borgo rurale di Montione si ha notizia di un oratorio nel 1296, l'attuale chiesa è stata costruita nel 1602 e conserva, in parte, un interessante affresco tardo gotico. A lato del ponte che attraversa il Savio che qui si chiama ancora Fosso Grosso, è una maestà con al suo interno una Madonna policroma forse di scuola faentina. La tappa termina a Verghereto il cui nome, secondo la leggenda, deriva dalle verghe con le quali i monaci dell'Abbazia di S.Michele Arcangelo scacciarono S.Romualdo perchè imponeva ai confratelli le regole troppo severe della riforma camaldolese.

STRUTTURE CONVENZIONATE
SERVICE
DOVE MANGIARE
DOVE DORMIRE
SHOPPING
ASSISTENZA
PHOTOGALLERY
COMMENTI LASCIATI DAGLI UTENTI
Effettua la login o registrati per inserire un commento
CUSTOMER SERVICE
PARTNER E ASSOCIATI
Seguici :  
 
Copyright - ©