LOGIN SIGNUP
ENG ITA
HOME PAGE > LA SEGNALETICA
Come rendere riconoscibile l'itinerario lungo un percorso così esteso che attraversa territori, culture, paesaggi, regioni diverse, sapendo sempre quale è il Cammino da seguire? Si è predisposto a tale proposito, un appropriato sistema di "comunicazione", fatto di estrema chiarezza, ma anche di grande qualità e attenzione negli spazi che lo circondano, soprattutto quando si è trattato di contesti storici o paesaggistici di interesse. Il progetto segnaletica ha cercato di evitare criticità nel percorrere la via, favorendo per quanto possibile fruibilità e sicurezza, evitando di chiedere al viaggiatore - pellegrino, rischi o stress irragionevoli che possono causare situazioni di pericolo oggettivo, eccessiva perdita di tempo o, anche costi non previsti. Il progetto degli elementi segnaletici, ha tenuto conto anche di quelli esistenti - di cui è auspicabile un attento riordino - proponendo un sistema integrato "affine" al luogo d'intervento. È stata adottata una grafica ed un design consoni all'identità del sito, in accordo con i colori, la luminosità, le caratteristiche climatiche dei luoghi attraversati. Con il simbolo della "Catena" del Cammino, impresso nella segnaletica disposta lungo il percorso (orizzontale con vernice a terra; su apposita segnaletica verticale di direzione / di località), si è voluto creare lo strumento principe di identificazione, elemento di riferimento dell'itinerario il Cammino di San Vicinio.
Come leggere la segnaletica
La segnaletica Il Cammino di San Vicinio contempera l'esigenza della completezza informativa con quella della discrezione, ossia del rispetto dei luoghi e dell'ambiente. La segnaletica collocata lungo il percorso è di due tipi:
1.Segnaletica di Percorso
Segnaletica Verticale - Principale
Segnaletica Orizzontale o Secondaria o Intermedia

Indispensabile per seguire il tracciato, s'intende quella utilizzata dal Club Alpino Italiano, riconosciuta e utilizzata in campo internazionale per i sentieri trekking (Club Alpino Svizzero, Federazioni di Escursionismo Internazionali ecc.). Questa tipologia è necessariamente omogenea per tutto il tracciato ad indicare chiaramente il percorso.

2.Segnaletica d'Informazione
S'intende quella che espone in modo esauriente e conciso un quadro d'assieme del percorso, le informazioni generali e brevi note culturali e storiche del territorio ove il Cammino si snoda; una sintetica parte è dedicata ai principali monumenti delle località che si incontrano lungo il percorso.
1. Segnaletica di Percorso (Verticale - Principale)
S'intende quella infissa su supporti di sostegno. È posizionata in modo differente a seconda della tipologia sotto specificata.

Pali Verticali
La collocazione della tabella segnavia è fatta su appositi pali di sostegno.

Tabella Segnavia
È usata per indicare la direzione della località di destinazione del Cammino e la distanza espressa in km. È collocata alle estremità dei sentieri o degli incroci più importanti. La tabella segnavia è in legno e alluminio estruso con scritte, misura cm 55 x 15 ed è ben visibile, di colore bianco, con punta rossa con Logo - Marchio del Cammino. Inoltre, in coda è caratterizzata dal segnavia a bandiera bianco - rosso. Riporta la località di destinazione principale (scritta più grande) e la località di prossima destinazione con le distanze in km. Alla tabella segnavia appartiene anche la tabella per i servizi. Questo genere di tabella si trova in tutto il Cammino, esclusa l'area del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

La tabella segnavia in area del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna o nelle zone limitrofe.
Riporta le medesime informazioni della classica tabella segnavia, ma è strutturata in modo diverso.

Tabella Segnavia di Servizio
È situata lungo il Cammino, segnala l'esercizio di ricettività o di ristorazione più prossimo. La segnalazione permette al camminatore di organizzare la tappa a propria discrezionalità, soprattutto negli itinerari più lunghi. È ubicata fuori dai centri abitati, su tutto il territorio del Cammino. È posta su palo di sostegno.
Lamierino segnavia
Ha la stessa funzione della tabella segnavia, ma è usato per indicare la direzione del Cammino quando si attravertsa il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. È montato su palo di sostegno o picchetto segnavia cm. 12 x 12.
La tabella località
I luoghi più significativi del Cammino (passi, monumenti, monti, ecc.) che trovano riscontro sulla cartografia sono indicati con apposita tabella posta su palo di sostegno o sullo stesso palo di sostegno delle tabelle segnavia.
Questa tabella riporta il nome della località, la quota altimetrica e una breve descrizione, il nome dell'ente locale finanziatore, il logo - marchio del Cammino. In questa forma, si trova solo all'esterno dell'area del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.
La tabella località all'interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.
I luoghi più significativi del Cammino all'interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, sono segnalati dalla tabella con indicazioni della località e dell'altimetria. È sempre posta su palo di sostegno, che può essere condiviso anche con la tabella segnavia.
Il picchetto segnavia
È posto lungo i sentieri che attraversano pascoli privi di sassi o su terreni argillosi o privi di elementi naturali di riferimento dove possa risultare difficile l'orientamento. Alla sua estremità è montato il lamierino triangolare con il simbolo del Cammino. È di legno, ha un diametro di 8 cm e un'altezza di 150 cm.
1. Segnaletica orizzontale
La segnaletica orizzontale consiste in segni a pennello con vernice a smalto, mediante mascherina senza e con marchio del Cammino, direttamente su supporti territorialmente disponibili quali pietrame permanente, muretti, tronchi di alberi, palificazioni varie o su altri supporti con lo scopo di confermare al camminatore il percorso che sta praticando. Sono posizionati con una certa frequenza lungo il percorso e in prossimità degli incroci. Tali segnali hanno il grosso vantaggio di non poter essere oggetto di sottrazione.

Segnavia semplice di color bianco - rosso
È usato per indicare la continuità del sentiero; è posto nelle immediate vicinanze di bivi e ogni 200 - 300 metri, se il sentiero è evidente, altrimenti a distanza più ravvicinata, tenendo in considerazione le caratteristiche ambientali e l'inserimento rispettoso nel luogo. Misura 8 x 15 cm. È presente su tutto il Cammino, con il marchio del Cammino nell'area esterna al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, senza marchio all'interno del Parco.

Segnavia a bandiera di colore rosso - bianco - rosso
Si diversifica dal segnavia bianco - rosso perché ha una banda rossa in più e riporta in nero, sul bianco, il numero del sentiero. È posto all'inizio del sentiero e in prossimità di bivi e altri punti dove è utile confermare la giusta continuità dell'itinerario numerato. Misura 8 x 15 cm. È presente su tutto il Cammino, escluso l'area del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Formella segnavia nei centri urbani
Realizzata in ceramica policroma di dimensioni 12x12 cm, la formella segnavia è posta sulle pareti esterne degli edifici nei centri storici urbani, lungo le vie del paese percorse dal Cammino. Segnala al camminatore la continuità dell'itinerario nel attraversare il centro abitato.

Marchio - logo tipo il Cammino di S. Vicinio
La catena o il collare di San Vicinio è il simbolo che caratterizza il Cammino. Si tratta, nella realtà, di un collare di ferro, composto da due bracci uniti fra loro da un duplice snodo e terminanti con due anelli combacianti.
La cosiddetta catena di San Vicinio, ha assunto un ruolo centrale nella storia del culto e negli sviluppi della tradizione con l'ovvia e inevitabile conseguenza a carico della devozione popolare, che l'ha recepita come una reliquia vera e propria del santo e come oggetto depositario di ogni virtus; nel tempo, essa ha acquisito un potere taumaturgico autonomo, divenendo nell'immaginario collettivo un vero e proprio surrogato del santo. Essa, posta al collo degli indemoniati (o supposti tali), con una modalità d'uso già attestata nella Vita, è impiegata come strumento esorcistico: gli effetti taumaturgici sono ben noti.
Una immagine da percepire nella sua semplicità, come unica, riconoscibile anche senza logos, senza possibilità di confonderla con altri simboli.
Una metafora che accompagni il viaggiatore pellegrino come un passepartout, di protezione, lungo i sentieri impervi e solitari.
2. Segnaletica d' Informazione
Tabellone o pannello d'Insieme
La sua struttura portante è in legno ed è collocato nei centri principali del Cammino. Comprende tre pannelli di più piccole dimensioni cui si riferiscono:

- una cartografia schematica del Cammino;
- note d'inquadramento geografico, ambientale e storico del territorio
- la rete di servizi utili al camminatore (commerciali, pronto intervento, trasporti, d'informazione)

Rappresenta l'insieme dell'itinerario della zona inquadrandolo anche dal punto di vista geografico, ambientale e storico.
CUSTOMER SERVICE
PARTNER E ASSOCIATI
Seguici :  
 
Copyright - ©